Ritratti

ritratti1

RITRATTI

Octavia è autrice di ritratti personalizzati e surreali.

Un Volto, un Essere, un Mondo, una mappa da ripercorrere possibilmente al rovescio, dal di dentro. Cogliere tracce, segni , aspirazioni, segreti da ri-leggere per ri-crearli attivando la Visione portando a compimento ciò che prima Wolfang Goethe e dopo di lui Paul Klee ritennero essere il paradigma di ogni arte, ovvero, rendere visibile e non il visibile.

(Octavia Monaco)

 

RITRATTO DI MICHELE H.

RITRATTO DI MICHELE H.

RITRATTO DI MICHELE H.

opera su legno cm 90 x 90 Eleganza sobria di una donna francese, schiva e riflessiva, e nella vita risoluta. Predilige Michèle, le musiche rinascimentali e l'ascolto di canti sacri.
Si dedica, inoltre, a lunghe letture , soprattutto di argomento storico

O.M.

LA CASA VERDE (AUTORITRATTO)

LA CASA VERDE (AUTORITRATTO)

LA CASA VERDE (AUTORITRATTO)

opera su legno cm 70 x 90
Manrico porta il nuovo. Poi sono arrivate Flora e Maya, le lupe con una fioritura in bianco sul petto

O.M.

AUTORITRATTO

AUTORITRATTO

AUTORITRATTO

Attraverso questo mio autoritratto, azzardo e tento di offrire all'osservatore uno sguardo più approfondito ed intimo di un aspetto che ha determinato e tuttora determina il mio intero vivere: ovvero la ricerca inesausta della realizzazione del mio più innato talento, che qui raffiguro come una piuma racchiusa in un vaso-cuore.
Il titolo del quadro, Occhidoro è l'appellativo attribuitomi di una cara amica scrittrice.
Notturno al bosco. Occhidoro opera su legno cm 110 x75

O.M.

RITRATTO DEL SIG. ROBERTO LANDI

RITRATTO DEL SIG. ROBERTO LANDI

RITRATTO DEL SIG. ROBERTO LANDI

Preoccuparmi che ogni ritratto sia in grado di raccontare o ancor più, di evocare, qualcosa di intimo del soggetto. Per offrire a se stesso e all’osservatore una visione sensibile e profonda che ne restituisca l’impressione, cercando di carpirne l’essenziale, affinchè sia testimonianza del colore di una vita.
Per questo ritratto ho voluto mettere insieme e trovare il filo compositivo per rappresentare le passioni del soggetto: per esempio le anatre, o la sua curiosità e indomita passione per alcuni aspetti del vivere che per l’appunto, ho raffigurato.

O.M.

RITRATTO DI SOFIA CRIVELLI

RITRATTO DI SOFIA CRIVELLI

RITRATTO DI SOFIA CRIVELLI

Octavia ha rappresentato la mia essenza, nel mio ritratto mi ritrovo e ho la sensazione di non potermi perdere. E' riuscita a mettere a nudo la mia natura. Ogni qualvolta lo guardo...è sempre un'emozione nuova! (Sofia Crivelli )
Di Sofia, come in un collage, riunisco i soggetti delle sue passioni e fascinazioni. Quindi le camelie a decorarle l'abito, il cane Kira che le è stato fedele amico, il gatto nero che lei stessa definisce fluttuante, femminile. E' suo desiderio che io riprenda la lunga chioma sospesa del ritratto di Costanza Savini, ma desidera colori caldi essendo lei astrologicamente un Ariete. Amo tuta la natura e tutti gli animali, aggiunge ancora nel confronto epistolare intercorso, per definire e individuare gli elementi più salienti utili a ritrarla.

O.M. : Opera su legno, cm 110 x 60

RITRATTO DI COSTANZA SAVINI

RITRATTO DI COSTANZA SAVINI

RITRATTO DI COSTANZA SAVINI

L'idea dominante della tavola sulla quale Octavia mi ritrae, è originata da un episodio della mia vita, piuttosto curioso devo dire, che da anni si ripete in autunno. Per alcuni giorni, all'improvviso, delle gocce di sangue lacrimano dal mio ombelico. Come se questa ferita, forse mai rimarginata del tutto, fosse un occhio più sensibile degli altri, dal quale si coagula, sostanza vivente, il sangue, simbolo primitivo della vita. (Costanza Savini , scrittrice)
Costanza si affacciò al mio Mondo avvolta come un cigno nel suo misterioso Velo. Da quel Tempo condividiamo il dipanare febbrile e meticoloso del filo d'oro che le nostre piume filano, conservano e preservano. Inesauste Penelopi ci avvolgiamo e riavvolgiamo nei luoghi aracnidi del nostro conversare sollevando le braccia al cielo per tanta benedizione e tormento. Il suo sguardo di velluto è incastonato come calice rilucente nel Cerchio Mio più stretto, in cui Lei stessa distilla e depone i sapienti raccolti delle sue inquiete erranze accendendolo di fuoco ardente che rischiara e allo stesso momento satura le predilette penombre immerse nelle quali amiamo sorridere e cantare al Mondo.

O.M.: Costanza. Sortilegi di musa. Opera su legno cm 170 x 75

RITRATTO DI MARICA BARGHETTI

RITRATTO DI MARICA BARGHETTI

RITRATTO DI MARICA BARGHETTI

Marica come Babette viaggiatrice nelle cucine del Mondo , per proporre e deliziare i commensali con i suoi piatti dai sapori ricercati, preparati e cucinati ad arte, affidandosi ad una Sapienza che spontaneamente combina, distilla sapori e profumi della sua terra Toscana e non solo.

O.M.: Opera su carta, cm 50 x 50 (Costanza Savini , scrittrice)

RITRATTO DI VITTORIA RAVAGLI

RITRATTO DI VITTORIA RAVAGLI

RITRATTO DI VITTORIA RAVAGLI

Magicamente
cala la notte
densa di azzurro
Il vento mi attraversa i capelli.
Vivo il mistero
(Vittoria Ravagli)
(Costanza Savini , scrittrice)

O.M.: Notturno al Bosco. Risveglio poetico. Opera su legno, cm 110 x 75

RITRATTO DEL CONTE MATTEI

RITRATTO DEL CONTE MATTEI

RITRATTO DEL CONTE MATTEI

Figura quasi leggendaria, personaggio senz’altro eccentrico. Artefice della Rocchetta Mattei, che è favola pietrificata. Ideatore dell’ elettromeopatia, quale forma della medicina alternativa, che ebbe credito per molti anni. Si considerava un mago moderno. Una sorta di genio benefico, che usava i suoi segreti a vantaggio dell’umanità.
Opera su legno cm 110 x75, donata alla Fondazione della Cassa di Risparmio di Bologna

O.M.

RITRATTO DI SIGIZIA

RITRATTO DI SIGIZIA

RITRATTO DI SIGIZIA

Una giovane coppia di sposi-viaggiatori: un ritratto commissionato da lei, per commemorare la loro unione nella vita e negli attraversamenti… Si inaugura con questa lontana opera su carta, la stagione più attuale dei miei ritratti, che elegge come soggetto desiderabile, le figure degli amanti. Ricordo solo il nome di lei: Michela

O.M.: Coppia persiana, opera su carta cm 50 x 50

RITRATTO DI DONNA (offerta di bellezza)

RITRATTO DI DONNA (offerta di bellezza)

RITRATTO DI DONNA (offerta di bellezza)

Propongo queste possibilità di ritratto traendo spunto e ispirazione dalle parole lette, che riporto qui di seguito: "Questo genere di ritratti, a destinazione strettamente privata, piuttosto diffuso nella Venezia del primo Cinquecento, è possibile che abbia precise rispondenze col tema del matrimonio, come se fossero offerte di bellezza, forse di verginità; in ogni caso promesse amorose da porgere al maritando, da considerare come bene messo in doe, e non certo dei più trascurabili." ( tratto da Donne e Dee, nei musei italiani di Vittorio Sgarbi)

O.M.:

banner