GALLERIA 2008: Icone, voci e sentieri della Dea primordiale

Octavia Monaco è una illustratrice che è giunta alla pittura attraverso una sorta di sublimazione estetica, di intensificazione empatica, offrendoci un universo fatato sospeso nell’equinozio delle metamorfosi, dove i vegetali, gli animali, e gli esseri umani, divenuti alberi sapienti e vibranti libellule, mettono indiscussione la loro identità visiva, mutandosi in altri da sé, in una confusione ontologica, che sfuma, da un lato, in quegli archetipi di sapore vagamente junghiano di Demetra o della grande madre mediterranea, per esempio e che, d’altro lato, si configurano come metafore: la primavera è una donna con una chioma di albero fiorito (…)
Giorgio Celli
Testo tratto dal catalogo: Octavia Monaco, Icone, Voci e sentieri della Dea Primordiale
Saggi critici di Giorgio Celli, Selene Ballerini, Angelo Calabrese edito da Felice Cervino Editore, gennaio 2007

Bosco silente

Bosco silente

L'autunno

L'autunno

il tempio delle antiche

il tempio delle antiche

La Dama del  bosco sacro

La Dama del bosco sacro

La primavera.

La primavera.

convitto di driadi

convitto di driadi

la Dama dell'attesa

la Dama dell'attesa

L'estate

L'estate

La signora del bilanciamento

La signora del bilanciamento

La sciamana

La sciamana

La Signora animali

La Signora animali

Madre dei volatili

Madre dei volatili

Signora del silenzio

Signora del silenzio

Pin It

a